TOP
16 Nov

Rossini Overtures!

BOLOGNA. Fuochi d’artificio discografici nell’ultimo scorcio dell’anno del 150esimo anniversario della morte di Rossini. Il 13 novembre il tenore russo Maxim Mironov – bolognese d’adozione – ha annunciato l’uscita imminente del CD “Questo è Rossini!”, Arie da camera nelle quali è accompagnato dal pianista Richard Barker, pubblicate da Illiria Productions. Ne parleremo quanto prima, Mironov e Rossini sono un binomio sicuro e garantito.

Oggi è uscito un altro tributo a Rossini, il nuovo disco “Rossini Overtures” – edito dall’etichetta Pentatone  – che vede protagonista il Direttore musicale del Teatro Comunale di Bologna Michele Mariotti sul podio dell’Orchestra del Teatro bolognese.  Registrato nella biblioteca del convento San Domenico di Bologna nel maggio di quest’anno, l’album raccoglie le ouvertures tratte dalle sue opere La scala di seta, Tancredi, L’italiana in Algeri, Il barbiere di Siviglia, La gazza ladra, Matilde di Shabran, Semiramide, Le siège de Corinthe Guillaume Tell.

Le ouvertures di Gioachino Rossini da sempre vivono di vita orchestrale propria, amate dai sinfonisti al di là del loro essere anche parte integrante delle relative opere. Straordinariamente perfette, sono quanto di più rossiniano si possa ascoltare e amare oltre le opere. Bene ha fatto l’etichetta olandese Pentatone ad affidare all’Orchestra del Teatro Comunale di Bologna, che è stata tra i principali promotori della riscoperta di Rossini negli ultimi trent’anni e al suo Direttore Musicale Michele Mariotti, un programma che alterna alcune delle ouvertures più conosciute ovvero le più amate ad altre forse meno popolari ma di eguale sfolgorante bellezza.

Un successo sicuro, perché alle tante suggestioni di questo disco, si aggiunge quella del genius loci, essendo Michele Mariotti legato per nascita a doppio filo a Rossini, come pesarese e per discender per li rami da chi il Rossini Opera Festival ha contribuito a creare.

 

 

Nessun Commento

Inserisci un tuo commento